Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito o cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. OK Info privacy e cookie
| Come raggiungerci | Associazioni Promotrici | Contatti | Press Kit |
Trieste Photo Days

Festival internazionale
della fotografia urbana

Trieste incontra la Multivisione 2015 – Fotogrammi in movimento

Trieste incontra la Multivisione 2015 - Fotogrammi in movimento
Proiezioni
» Luogo: Teatro dei Salesiani ( Via dell'Istria, 53 Trieste)
» Data: venerdì 13 novembre 2015
» Ora: 20.45 - 23.00
» Info evento: info@triestephotodays.com

PUBBLICO 2014

Nell’ambito di Trieste Photo Days 2015Merlino Multivisioni organizza la quattordicesima edizione di “Trieste incontra la Multivisione”. L’obiettivo degli organizzatori è quello di continuare mostrare le grandi potenzialità di questo mezzo e le sue applicazioni coinvolgendo nella manifestazione i migliori autori  e associazioni di multivisione italiane e straniere.
Come per le passate edizioni sarà dunque possibile ammirare alcune delle migliori produzioni in questo campo sia con  proiezioni su schermo unico  che su quello panoramico. Si tratta di uno spettacolo altamente coinvolgente sia per le grandi dimensioni delle immagini che per il sofisticato sistema di presentazione delle stesse che viene abitualmente usato nell’ambito di installazioni permanenti nei musei, convention o scenografie teatrali.
Raggruppate in sessioni della durata di circa un’ora e mezza, si svolgeranno all’interno del Teatro Don Bosco, come sopra detto nelle giornate del 13, 20 e 21 novembre 2015 e comprenderanno una serie di lavori di autori molto diversi fra loro. Come nelle passate edizione il programma, in fase di ultimazione, verrà stilato in modo tale da fornire al pubblico una panoramica che toccherà vari temi, come ad esempio la natura e la conservazione dell’ambiente, il reportage di viaggio, il sociale, l’ironico, il costume, l’espressione artistica personale, la street photography ed altro ancora.
I lavori di una durata che va dai 3 ai 20 minuti, sono realizzati con l’ausilio di proiettori  digitali e  supportati da una colonna sonora e, in qualche caso, anche da un commento parlato o scritto.

 

PROGRAMMA VENERDI’ 13 NOVEMBRE 2015 – FOTOGRAMMI IN MOVIMENTO

1. Silvo Levac   – STORIE DI STRADA
E’ una raccolta di storie diverse di 17 fotografi dell’associazione fotografica TheArtPhoto di Trieste. Ciascuna storia e’ formata da tre foto principali, un triptico, ed alcune foto che le accompagnano. Ciascuna storia ha una propria diversa anima, una comunicazione al pubblico non indifferente. L’audiovisivo rappresenta tutte queste 17 storie di strada, con la musica di Laibach: Across the Universe.

2. Adriano Mascherin  – CONCA MAGICA
Un percorso di 3 giorni in una delle meraviglie della natura unica al mondo: la fiorita 2014 di Piano Grande a Castelluccio di Norcia. Visioni riprese dall’alba al tramonto partendo dall’ascensione al monte Redentore , al lago Pilato fino a naufragare in un caleidoscopio di valli e campi fioriti in  un’emozione sempre più forte e profonda.

3. Roberto Valenti – RITORNO AL MESOLITICO
Oggi il Mesolitico sembra lontanissimo. In realtà, le lancette dell’orologio del tempo non hanno corso alla stessa velocità in ogni angolo della Terra. In Tanzania, una giornata trascorsa con gli Hadzabe, uno degli ultimi nuclei di cacciatori- raccoglitori mesolitici del pianeta, offre spunto alla riflessione dell’autore sul lungo cammino dell’Uomo dalla preistoria alla globalizzazione. Uno sviluppo sociale ed economico incalzante che ci allontana sempre più da un equilibrato rapporto con la Terra.

4. Giorgio Pavan Rosa Salvi – ROSSO MELOGRANO
Il leggendario popolo armeno ha saputo superare persecuzioni ed ostacoli e mantenendo nei secoli una forte coesione nazionale grazie alla fierezza della propria storia, all’orgoglio della cultura e, soprattutto, alla profonda religiosità testimoniata, anche, da antichi monasteri e misteriosi siti archeologici sparsi in un territorio naturale spettacolare.

5. Paul Klaver (NL) -ALASKA THE NUTRIENT CYCLE
Quando tornano nell’acqua dolce i salmoni keta smettono di nutrirsi e si trasformano in creature aggressive con l’unico intento di accoppiarsi. Dopo la deposizione delle uova, muoiono e i loro corpi diventano una fonte di nutrimento per tutto, nella foresta e nel mare.

6. Giacomo Cicciotti – ANTARTIDE il più grande serbatoio della vita – fotografie e riprese ideo Marco Faimali ( CNR Genova )
L’Antartide costituisce un grande serbatoio di vita per tutta l’umanità.  Questo luogo inospitale per l’essere umano
è popolato da animali che riescono a sopravvivere alle condizioni climatiche estreme. Alcuni studiosi, con coraggio, si recano in questi posti per scoprire i segreti che la natura ha nascosto tra i ghiacci. L’esperienza che hanno vissuto è indimenticabile.

7. Giacomo Cicciotti –  MISSIONE SOLDATO – fotografie di Mauro Galligani
“Sono nato a Casali D’Aschi, un paesino di 800 abitanti, frazione del comune di Gioia dei Marsi. Sono nato soldato a L’Aquila, seconda squadra del primo plotone, 143° Compagnia, Battaglione L’Aquila, 9° Reggimento Alpini.”
Questa multivisione racconta la storia di Franco De Angelis, Caporal maggiore dell’Esercito Italiano. Questo giovane soldato ha vissuto più volte l’esperienza della missione di pace in Afghanistan. “La mia pelle è diventata la mimetica” è il riassunto della sua esperienza di soldato.
Fanno da sfondo a questo racconto le immagini scattate da Mauro Galligani durante 30 anni di missioni dell’Esercito Italiano.

8. Fabio Pappalettera –  AMAZING FRIULI VENEZIA GIULIA 1
Il primo video ufficiale eseguito per conto dell’ente del turismo regionale “Turismo FVG” .  Con questo primo video ho approfondito le conoscenze territoriali della mia terra di origine, per me è stato un grande traguardo professionale ed emotivo essere incaricato di rappresentare da solo col mio staff ed il mio drone l’intera regione dove sono nato e cresciuto che non finisce mai di stupirmi con i suoi incredibili e differenti paesaggi naturalistici ed i suoi luoghi storici e di culto. Non è stato per nulla semplice riprendere alcune location dove si deve sudare per raggiungere l’obiettivo : per raggiungere il Monte Forato d’inverno col mio staff e il drone ci sono volute 5 ore di sci d’alpinismo e ore di attesa per attendere il momento favorevole, alla fine la soddisfazione è stata unica !

Loading Map....